Terapia del dolore, Filomena Gallo: c'è una legge, non restiamo a guardare

Dalla Home Page dell'Associazione Luca Coscioni (ndr)

11/06/2012 Dichiarazione dell'avvocato Filomena Gallo, segretario della Associazione Luca Coscioni Sul Corriere della Sera di sabato, il giornalista Mario Pappagallo ha denunciato la mancata applicazione della legge 38/2010 sulla terapia del dolore. Siamo fra i Paesi più arretrati in questo campo. Metà dei medici non sa neanche che la legge esiste , e non sono stati presentati – due anni dopo la sua approvazione in Parlamento - progetti a valere sui 100 milioni stanziati dalla legge.
L'Unione europea ha diffuso dei dati: contro gli 80 milioni spesi ogni anno per gli oppioidi, se ne spendono 160 per preparati anti-infiammatori, molto meno efficaci. Il tema meriterebbe maggiore spazio sui giornali.
Le ragioni di questo ennesimo scandalo andrebbero chieste al ministero della Sanità, agli assessori competenti per materia nelle diverse Regioni, alle due Commissioni parlamentari di indagine, ai dirigenti dei maggiori ospedali. Una fetta di politica proibizionista si preoccupa di salvaguardare la vita dei cittadini chiedendo l'approvazione in Senato di una legge contro il testamento biologico, con la motivazione che la vita è sacra e indisponibile ma contemporaneamente nessuno di fatto poi si preoccupa di evitare la sofferenza alle persone.
Questa è una delle tante contraddizioni che caratterizzano il nostro Paese.
La questione della salute e quella dei diritti civili non devono essere merce di scambio elettorale ma questioni quotidiane di interesse sociale.

Torna alle news

STUDIO ASSOCIATO INFERMIERISTICO R.S. DI RAINERI G. E STANGA F.

P.IVA/C.F.: 03588660989 - Sede Legale: Via Don Bonsignori 95/C – 25080 Prevalle (Bs) - Sede Amministrativa: Via Dei Caduti 45 – 25038 Rovato (Bs) - Sede Operativa: Via Matteotti 161 - 25086 Rezzato (Bs)

Credit www.andreamazza.com

Privacy Policy Cookie Policy